sradicamenti.
S/radicamenti

Sentirsi parte di un territorio senza inciampare nella retorica delle radici. Raccontarsi ma attraverso lo sguardo degli altri. Riconoscersi in chi arriva e le proprie radici ha dovuto strapparle, in chi parte e scopre solo così di averne. Perché sradicarsi implica la messa a nudo delle radici, il loro estremo riconoscimento. In questo senso, ogni sradicamento è sempre anche un radicamento, il distacco da una terra porta a guardarla da fuori, ad appropriarsene nell’abbandono. E cosa vuol dire oggi cercare, romanticamente, l’universale in ciò che è locale e viceversa? Si può ancora tenere i piedi ben piantati a terra e la testa fra le nuvole?

Convinti che l’arte possa aiutare a comprendere i cambiamenti in atto, continuiamo anche attraverso il teatro a interrogare le tensioni e le dinamiche che stanno attraversando il nostro presente trasformandolo.

 

PROGRAMMA 2018

FARMACIA ZOO:È
sabato 16 giugno

COLLETTIVO PAOLO BENVEGNÙ
venerdì 22 giugno

IVAN CASTIGLIONE | FRANCESCO CAFISO 4ET
sabato 23 giugno

UN FILM DI MARCO MARTINELLI
domenica 24 giugno

 

MARCO MARTINELLI
domenica 24 giugno

TEATRO MEDICO IPNOTICO
domenica 24 giugno

TEATRO MEDICO IPNOTICO
lunedì 25 giugno

GIANCARLO PREVIATI
lunedì 25 giugno

 

OTTAVO GIORNO
martedì 26 giugno

CLAUDIA MARSICANO
mercoledì 27 giugno

TIZIANO SCARPA | DEBORA PETRINA
giovedì 28 giugno

KER THÉÂTRE MANDIAYE N’DIAYE
venerdì 29 giugno

 

ROBERTO ABBIATI
venerdì 29 giugno

LASTANZADIGRETA
sabato 30 giugno

SERGIO MERCURIO
domenica 1 luglio

ROSA BRUNELLO Y LOS FERMENTOS
domenica 1 luglio

 
 

ALTRI S/RADICAMENTI

 

EDIZIONI PRECEDENTI

Tra gli ospiti Marco Paolini, César Brie, Erri De Luca, Mandiaye N’Daye, Moni Ovadia, Teatro delle Albe, Gianni Minà, Piki Theatre, Claudio Morganti, Elena Bucci, Tiziano Scarpa, Teatropersona, Balletto Civile, Laura Marinoni, ma sono moltissimi gli spettacoli di qualità proposti dal festival ai sempre numerosi spettatori, sia adulti che bambini, con una scelta articolata di espressioni artistiche che vanno dalla prosa al teatro-danza, dal teatro di narrazione al nouveau cirque, dal teatro di figura al teatro musicale.


I LUOGHI DEL FESTIVAL

Essenziale è il dialogo che s’instaura tra le proposte artistiche e i luoghi del festival: casoni di campagna e di laguna, barchesse, parchi, idrovore, case coloniche, scuderie, parchi storici, piazze e angoli urbani. Spazi pubblici e talvolta anche privati, spesso riscoperti o aperti per l’occasione, che hanno consentito in questi anni di ricucire tra loro elementi di bellezza e di storia di un territorio profondamente segnato da processi di sviluppo incontrollato e non sempre attento alle peculiarità e alla fragilità dell’ambiente.


COLLABORA CON NOI

volontario.jpg

Ti piace il teatro? Desideri conoscere da vicino cosa succede dietro le quinte? Hai voglia di mettere in gioco le tue potenzialità?


PREMIO LETTERA 22

LETTERA22

Scene di paglia fa parte del network Lettera 22 – Premio Giornalistico di Critica Teatrale under 36 e nell’edizione 2018 ne ospiterà la finale. !


 
pinguino.jpg
Dieci anni di s/radicamenti

Scene di paglia compie dieci anni. Un anniversario considerevole per una piccola realtà che ha cercato di confrontarsi con il territorio senza prescindere, nelle proprie scelte, dalla qualità artistica. E forse proprio perché raffinato e popolare insieme, orgogliosamente ai margini, sempre s/radicato, il Festival ha saputo proporsi come occasione per “fare rete”, vedendo crescere un pubblico attento e appassionato alle espressioni più avanzate delle arti performative e ospitando decine di spettacoli dal vivo, molti dei quali di rilievo nazionale e internazionale, prime assolute, anteprime, progetti speciali, e poi percorsi didattici, laboratori, mostre, incontri.

Nel ricordare gli artisti – e non saranno tutti! – che hanno portato i loro spettacoli tra casoni di campagna e di laguna, ville, barchesse, parchi, idrovore, case coloniche, scuderie, parchi, piazze e angoli urbani, vogliamo ringraziare anche tutti coloro – amministratori, tecnici, operatori, associazioni di volontariato, proprietari di edifici storici e soprattutto gli spettatori – che hanno permesso di raggiungere questo traguardo.

 

Leonardo Capuano Eventi Verticali Tam Teatromusica Michele Sambin Paolo Fresu Pierangela Allegro Marco Paolini Mandiaye N’Diaye Giorgio Gabrielli César Brie Bebo Ferra Divadlo Piki Paolino Della Porta Marco Sgrosso Principio Attivo Compagnia Bartolini Baronio Stefano Bagnoli Franco Hüller Guido Guidoboni Gran Teatrino della Marignana Nico Menci Paola Roscioli Bruno Piva Flavia Bussolotto Maria Di Stefano Felice Del Gaudio Unoteatro Costanza Givone Luciano Cecchinel Francesca Macrì Centro Teatro Animazione e figure Luana Gramegna Marco Tizianel Pino Petruzzelli Enrico Falaschi Andrea Trapani Samuele Riva Gyula Molnár Andrea Pennacchi Vasco Mirandola Matteo Giancotti Teatro Presente Rio terà de le tarante Bottega Baltazar Farmacia Zoo:è Andrea Brunello Fagio Takku Ligey Théâtre Paolo RechTeatro delle Albe Gianmarco Busetto Armando Carrara Marco Martinelli Gianni MinàMarco Toffanin Gigio Brunello Nelso Salton Teatropersona Sandro Buzzatti Marta Dalla Via Scena Verticale Canzoniere Grecanico Salentino Miranda Cortes Roberto Magnani Il Laborincolo Maurizio Dehò Massimiliano Donato Nadio Marenco Laura Radaelli Alessandro Argnani Centro Teatrale Umbro Balletto Civile Michela Lucenti Ermanna Montanari Giovanni dell’Olivo Teatro dell’Orso in peata Graziano Colella Maurizio Camilli Paolo Puppa Collettivo di Lagunaria Le belle bandiere Giorgia Nardin David Riondino Teatrino dei Fondi Teatrino Giullare Giuliano Scabia Tap teatro Don Pasta Alessandra Dolce Eleonora Fuser Luca Serrani Elena Bucci Maria Bergamo Campo Teatrale Mia Fabbri Erri De Luca Malmadur Zaches Teatro Andrea Facchin Sandra Mangini A032 Trio Claudio Morganti Marta Cuscunà Cristina Grazioli Tiziano Scarpa Gianfranco Berardi Coro Calle delle Perlere Saverio La Ruina Giancarlo Previati Biancofango Matteo Sgobino Dante Cigarini Isadora Angelini Roberto Menin Francesca Gallo Barabao Teatro Lucia Osellieri Valentina Recchia Generazione Disagio Antonella Zaggia Moni Ovadia Roberto Abbiati Laura Marinoni Adele Raes Adalgisa Vavassori La casa degli gnomi Silvano Antonelli Teatrodistinto Fourhands Circus Gabriele Ciavarra Julio Dante Greco Le galere di Fiandra e di Siria Maria Ghelfi Woodstock Teatro Accademia Arte delle Diversità Alberto De Bastiani Alessandro Serra Catia Caramia Clelia Cicero Ted Keijser Compagnia Arditodesìo Teatro in Trambusto Luigi Dadina Linda Bobbo Chiara Michelini Enrico Deotti Compagnia Baccalà Jacob Olesen Tahar Lamri Camilla Pessi Davide Berardi Daniele Cavone Felicioni Giorgio Donati Accademia Teatrale Veneta Alessandro De Luca Claudia Ossola Jacopo Giacomoni Valentina Salerno Marco Lucci Andrea Capaldi Carolina Santos Oliveira Caterina Soranzo Teatro dell’Illusione Andrea Coppone Alessandro Bruni Ocaña Nelide Bandello Ambra Chiarello Francesco Cafiso Francesca Lombardo Giorgio Pacorig Luca Mauceri Davide Palla Francesco Gabrielli Giulio Gorini Debora Petrina Enrico Pittaluga Sara Ippolito Jimmy Weinstein Giulia Spattini Chiara Taviani Mor N’Diaye Marta Lovato Gianluca Gabriele Sergio Mercurio Kessaci Farid Maria Magdolna Teresa Timpano Vincenzo Occhionero Pietro Traldi Alvise Seggi Francesco Clera Katarina Aulitisová Manuela De Meo Lorenzo Friso Serena Catullo Marco Caronna Lanfranco Vicari-Moder L’ubomir Piktor Stefano Ottogalli Walter Lucherini Ker Théâtre Mandiaye N’Diaye Abdou Lakhat Fall Enrica Zampetti Graziano Siressi Ottavo Giorno Carlo Massari Moussa Gning Piccolo Teatro Città di Chioggia Giacomo Ferraù Claudia Marsicano Daniele Gol LaStanzadiGreta Francesco Giampaoli Veronica Ambrosini Vincenzo Tosetto Alessandro Nidi Francesca Zoccarato Paolo Benvegnù Marco Tonino Gianluca Pezzini Ivan Castiglione Simone Fassari Alessandro Nosotti Filippo Paolasini Giulia Dall’Ongaro Patrizio Dall’Argine Vincenzo Pirrotta Luca Ronga